La natura giuridica di proiettili, pallini e bossoli inerti

È possibile avere i riferimenti normativi in virtù dei quali i proiettili, i pallini e i bossoli inerti sono considerati materiale libero?

Risposta a cura dell’Avv. Adele Morelli

I PROIETTILI, i PALLINI e i BOSSOLI INERTI non sono da considerarsi materiale esplodente e pertanto NON soggiacciono all’obbligo di un’autorizzazione di Pubblica Sicurezza per la loro movimentazione (dunque NON necessitano di: licenza di trasporto del Prefetto, licenza di importazione/esportazione, autorizzazione del Prefetto all’ingresso da un paese UE o al trasferimento verso un paese UE, etc.) né soggiacciono alla normativa inerente il trasporto di merci pericolose su strada (ADR), via mare (IMO), via cielo (IATA/ICAO), per vie navigabili interne (ADN) o per ferrovia (RID) né infine soggiacciono alla normativa CLP.

Tali le ragioni:

  • L'Art. 82 Reg. TULPS contenente la classificazione dei prodotti esplosivi secondo la normativa italiana NON contempla i proiettili, i pallini e i bossoli inerti;
  • L’All. B, Cap. VI, del Reg. TULPS, all’art. 1, comma 1, quarto capoverso, specifica espressamente “NON RIENTRANDO TRA I PRODOTTI ESPLODENTI, nessun limite è posto alla detenzione e vendita dei seguenti componenti di munizioni per armi comuni: proiettili, pallini, bossoli inerti”;
  • L’Art. 38, comma 1, TULPS, come modificato dal D.Lgs. n. 204/2010, espressamente afferma che assumono valore giuridico solo le munizioni FINITE;
  • L'Art. 1bis, comma 1, lett. d) del D.Lgs. n. 527/1992, espressamente definisce la “munizione: l’INSIEME della cartuccia o dei componenti, compresi i bossoli, gli inneschi, la polvere da sparo, le pallottole o i proiettili utilizzati su di un’arma da fuoco”; tale definizione è riportata in maniera identica all’art. 2, n. 4) del Reg. UE n. 258/2012;
  • La Circ. Min. Interno. Nr. 557/PAS/U/021562/10175/(1) del 19/12/2013, al punto 9 di pag. 6 definisce “parti di munizioni […] inerti” i “bossoli disinnescati, tubi in plastica, fondelli in metallo, borre, pallini e pallettoni” e chiarisce che “[…] è evidente che le parti assolutamente inerti delle munizioni non siano assoggettabili ad alcuna autorizzazione di polizia”;
  • L’Art. 1, comma 1, del D.Lgs. n. 81/2016 espressamente considera esplosivi ad uso civile, per la cui movimentazione è necessaria un’autorizzazione di polizia (ossia quelle previste dagli artt. da 8 a 12 stesso decreto, art. 54 TULPS e artt. 93 e 94 Reg. TULPS), quelli elencati nell’All. I allo stesso decreto, ossia quelli identificati con codice di classificazione ONU, e tali non sono né i proiettili né i pallini né i bossoli inerti, poiché l’elenco dell’Allegato assolutamente NON LI CONTEMPLA;
  • La normativa CLP di cui al Reg. UE nr. 1272/2008 entrata in vigore il 1 giugno 2015 avente ad oggetto la classificazione, l’etichettatura e l’imballaggio delle sostanze pericolose tra cui gli esplosivi, assolutamente NON annovera tra questi i proiettili o i pallini o i bossoli inerti (vedasi All. I, 2.PARTE 2, punto 2.1. Esplosivi, del suddetto Reg. UE);
  • L’attuale elenco dei beni a duplice uso vigente all’interno del territorio dell’Unione Europea NON include i suddetti materiali.

Avv. Adele Morelli

scuola armieri

Scuola armaioli

Il TIMA è un corso facoltativo di durata triennale di IPSIA Beretta nato per unire il percorso scolastico alle richieste che offre il settore armiero in Valle Trompia.

Approfondisci
banchi di prova

Banchi di prova

Tutte le armi da fuoco dei Paesi aderenti alla CIP sono soggette a collaudo ed a certificazione tramite l'impressione dei Marchi dei Banchi di Prova dei rispettivi Paesi.

Approfondisci
Convenzione CONARMI - SAP Sindacato Autonomo di Polizia

Convenzione CONARMI - SAP Sindacato Autonomo di Polizia

È stata siglata la convenzione CONARMI-SAP che permetterà agli iscritti al Sindacato Autonomo di Po…

Leggi la news