Ex Guardia Giurata e detenzione di armi e munizioni

Le Guardie Giurate in caso di dimissioni volontarie o licenziamento consegnano il decreto di nomina con relativo porto d'arma in Prefettura. Si possono detenere in attesa di una nuova riassunzione presso altri istituti nella propria Abitazione arma e munizioni? Ovviamente Denunciate Regolarmente

Risposta a cura dell’Avv. Adele Morelli

È possibile detenere con sé, regolarmente custodita, l’arma (e le munizioni) che si utilizzava in servizio; l’unica eccezione è data dal caso in cui, per qualche ragione, il Prefetto emetta a carico della ex GPG un DIAME (decreto di divieto detenzione armi e materiali esplodenti) ai sensi dell’art. 39 TULPS, il quale decreto deve essere, però – ovviamente -, motivato dal venir meno dell’affidabilità del soggetto nella detenzione delle armi. A tal proposito, ricordo che le armi possono essere detenute anche senza essere titolari di un PDA, a condizione che ogni 5 anni si produca alla propria Autorità di P.S. un certificato medico di idoneità alla detenzione delle armi (art. 38, comma 4, TULPS). Discorso diverso va fatto, invece per l’acquisto dell’arma, che, come noto, può essere effettuato solo previa esibizione di valido titolo di P.S. (PDA o nullaosta all’acquisto del Questore, cfr. art. 35, comma 5, TULPS).

Avv. Adele Morelli

scuola armieri

Scuola armaioli

Il TIMA è un corso facoltativo di durata triennale di IPSIA Beretta nato per unire il percorso scolastico alle richieste che offre il settore armiero in Valle Trompia.

Approfondisci
banchi di prova

Banchi di prova

Tutte le armi da fuoco dei Paesi aderenti alla CIP sono soggette a collaudo ed a certificazione tramite l'impressione dei Marchi dei Banchi di Prova dei rispettivi Paesi.

Approfondisci
Novità tra i corsi e seminari 2021 - Presto i percorsi dedicati

Novità tra i corsi e seminari 2021 - Presto i percorsi dedicati

Le proposte del CONARMI per il 2021 si ampliano con nuovi corsi e seminari dedicati, tra questi mol…

Leggi la news